Radu nasce il 28 maggio 1997, a Bucarest, in Romania. Il giocatore è cresciuto calcisticamente nelle giovanili della Dinamo Bucarest, ma, ben presto approda in Italia. Inizialmente gioca nella Pergolettese, club militante in Lega Pro, ma il suo futuro ha, da subito, tinte nerazzurre.

Gli osservatori dell’Inter, che monitoravano le prestazioni di Radu già da tempo, decidono, quindi, di puntare su di lui. Nel 2013 il portiere approda all’Inter e, con la formazione Allievi, vincerà un Campionato e una Supercoppa.

Inevitabile il passaggio in Primavera, dove, agli ordini di mister Vecchi, conferma, non senza alcune iniziali difficoltà, le ottime doti già fatte vedere in precedenza. Con la formazione Primavera conquista un Torneo di Viareggio. Nella stagione 2015-2016 disputa, in totale, 28 partite in Primavera, subendo 27 gol. Durante l’ultima gara di campionato, inoltre, fa il suo esordio in Serie A, in occasione di Sassuolo-Inter, entrando nella ripresa.

La storia con l’Inter, tuttavia, potrebbe non essere a lieto fine. Il club milanese è, infatti, pronto a cedere Radu in caso di offerte in Serie B o, addirittura, in A.

Radu, fin da subito, si è dimostrato un portiere particolarmente dotato e abile fra i pali. Ha, in particolare, una buona reattività che gli ha permesso di essere spesso decisivo anche in occasione di calci di rigore. L’altezza (1,88 m) lo rende un portiere, in teoria, affidabile anche sulle uscite alte. In realtà, almeno inizialmente, Radu aveva alcune difficoltà in fase di uscita e di impostazione con la palla al piede. Queste parziali lacune sono, però, state prontamente colmate. Per un estremo difensore, inoltre, è fondamentale avere una discreta personalità e un carattere tale da superare le, inevitabili, difficoltà. Senza dubbio il portiere di Bucarest ha anche queste qualità che, comunque, non possono che crescere con il passare del tempo e con l’esperienza.

ww.footballscouting.it/schede_talenti/ionut-radu-garanzia-fra-pali-linter/